Lavorare un pezzo su un macchinario presuppone che esso venga bloccato in modo sicuro e preciso.

Oltre a ciò questa operazione deve essere veloce ed economica.

Per questo, sulle macchine Protek il bloccaggio è basato sul sistema del vuoto.

La tecnica del bloccaggio a vuoto, oltre ad essere tra le caratteristiche primarie della macchina, ne rappresenta uno dei punti di forza.

I sistemi di serraggio a vuoto evitano qualsiasi danno al pezzo ed esonerano l’operatore da qualsiasi allineamento laborioso del pezzo da lavorare che richiederebbe altrimenti molto tempo, aumentandone quindi sia la produttività che la redditività.

Entrando più nel dettaglio, con il bloccaggio a vuoto viene creata una forza al di sotto del pezzo da bloccare, ovvero, si forma una differenza di pressione con la quale il pezzo viene premuto contro il piano di lavoro

La forza di trattenimento del pezzo dipende dalla struttura del materiale, dalla differenza di pressione e dal vuoto applicato sulla superficie.

Maggiore è la superficie sottoposta al vuoto, migliori saranno le forze di ritenuta.

Le tecniche di bloccaggio usate sui nostri centri di lavoro coprono le varie tipologie di pezzi da lavorare e sono:

  • Piano MDF (Medium Density Fiberboard): Piano traspirante in cui sono possibili lavorazioni passanti;
  • Piano reticolato: esso permette di concentrare il vuoto in aree piccole mediante l’utilizzo di una guarnizione, rendendo possibile le lavorazioni su pezzi con base stretta;
  • Vilmill: questo speciale foglio, a contatto con l’utensile, attiva un bloccaggio supplementare in modo da rendere possibile la lavorazione di micro-pezzi;
  • Vac-mat: è uno speciale sistema che si basa sull’utilizzo di tappetini che compensano eventuali incurvature del pannello. Consente le lavorazioni passanti.

Indipendentemente dalla tecnica utilizzata (che differisce a seconda della tipologia del pezzo da lavorare), il sistema di bloccaggio viene attivato tramite pompe, che possono essere di numero variabile.

La macchina inoltre è in grado di gestire una parzializzazione automatica delle aree in numero variabile a seconda delle dimensioni del piano di lavoro.

Un esempio importante che rappresenta lo stato dell’arte di queste tecnologie è la macchina Protek CONCEPT che verrà esposta durante la prossima fiera EMO di Hannover dal 16 al 21 settembre 2019.

Per info riguardo ai nostri sistemi e alle nostre soluzioni contattaci tramite il modulo contatti.